Uil Sicilia, Parisi: “Grave carenza di personale all’Ospedale e alla Rems di Caltagirone. Aspettiamo risposte dall’Asp di Catania”

Abbiamo intervistato Fortunato Parisi, segretario Regionale Uil Medici Sicilia e Psichiatra, per parlare della situazione difficile che stanno affrontando l’Ospedale e la Rems di Caltagirone a causa della grave carenza di personale.

Sono recuperate delle somme da parte della regione Sicilia dedicate alle Rems?

“Possiamo definirlo un atto ricognitivo, da parte dell’assessorato regionale per il recupero delle somme dedicate alle Rems attraverso un decreto e noi come Uil abbiamo sollecitato perché venissero recuperate e vincolate per le Rems, le cifra che si aggira sui due milioni di euro e non andranno a pesare sul bilancio delle varie Asp competenti. In Sicilia sono presenti due Rems, una a Caltagirone e un’altra a Naso e nella nuova mappa nasceranno due nuove residenze a Caltanissetta e Agrigento. Con questo atto si dovrà provvedere all’assunzione del personale vista la grave carenza. In questi giorni abbiamo saputo che i terp che erano in scadenza di contratto presso la Rems di Caltagirone verranno confermati e stabilizzati, ma rimangono soprattutto in virtù del delle somme recuperate mentre attendiamo il completamento dell’organico attraverso lo sblocco del concorso che è aperto da circa due anni. Anche se c’è da dire che a breve verrà inserito un altro medico che affiancherà il dottore Aprile”.

A cosa sono dovuti questi ritardi per l’attuazione dei concorsi?

“Uno dei problemi più gravi è dovuto alla mancanza del personale amministrativo dell’Asp di Catania che non riesce a espletare in maniera celere i vari concorsi”.

Questa mancanza di personale riguarda anche l’Ospedale di Caltagirone?

“Quella che riguarda l’Ospedale di Caltagirone è una situazione molto delicata. Il reparto di cardiologia è al momento chiuso a causa della mancanza di personale è rimasto aperto solo l’Utic. Questo è dovuto anche al fatto che in tanti rinunciano all’assunzione presso l’Ospedale Gravina, ormai ritenuto di periferia, in particolare dal personale che dovrebbe venire da Catania o altri paesi limitrofi. A questo punto sarebbe più utile creare un bando ad hoc specificando che le assunzione verrebbero fatte solo ed esclusivamente a Caltagirone oppure creare rete con altre città come Gela o Ragusa”.

Cosa si può fare per ovviare a questa situazione che va avanti come ci riferisce da anni?

“Come segretario regionale Uil faccio un appello all’Asp di Catania affinché si possa, prima possibile, dedicare all’assunzione del personale per l’Ospedale e per la Rems di Caltagirone vista la grave situazione che va avanti ormai da tanti mesi”.