Silvy, cuoca per diletto. ” Sabato Trippa! “

Rubrica di cucina a cura di Silvana Salvatori

“Sabato Trippa!”

Famosa e antica la ricetta della trippa, si sa che fa parte della cucina tradizionale Romana ma non solo, abbastanza diffusa anche nelle altre regioni d’Italia, ognuna ha la sua ricetta più o meno gustosa.
Nella Capitale è rimasto il detto: “Sabato Trippa” perché era il giorno in cui venivano macellati i bovini e destinate le parti migliori ai nobili.
Per le famiglie povere restava il quinto quarto, la pancia del bovino offerto a un  costo contenuto. Era il principale apporto proteico dei loro pasti, quindi prezioso.
La ricetta della trippa alla Romana è rimasta immutata nel tempo gli ingredienti sono sempre gli stessi un caposaldo della cucina  tradizionale della Capitale.

Trippa Alla Romana

Ingredienti per 2 persone

500 g trippa già lessata e sbiancata
300 g pomodori maturi
70 g pecorino romano grattugiato
1 cipolla bianca
1 carota
1 costa di sedano
1 spicchio d’aglio
2 rametti di mentuccia
4 cucchiai di olio EVO
50 ml vino bianco
sale , pepe, un pizzico di peperoncino

Leggi anche -> Menù vegano di Primavera

Procedimento

Lavare la trippa sotto l’acqua corrente e lasciarla scolare bene.
In un tegame largo e basso, versare 4 cucchiai di olio EVO.
Preparare il trito di cipolla, sedano, carota e l’aglio intero, appassire le verdure, aggiungere la trippa e rosolare, solo adesso salare e pepare aggiungendo un pizzico di peperoncino.
Sfumare con il vino bianco che deve evaporare, togliere l’aglio e aggiungere il pomodoro a pezzetti senza la buccia e  i rametti di mentuccia tritata.
Cuocere  la trippa per 1 ora  a fuoco basso girando spesso, se necessario aggiungere qualche cucchiaio di acqua calda, a cottura ultimata deve rimanere sugosa e morbida non gommosa.
Impiattare la trippa e guarnire con una generosa cucchiaiata di pecorino, unita a fette di pane per l’immancabile scarpetta.
Buon Appetito!