Rifiuti, Roma è al collasso? Le immagini parlano da sole…

Roma torna ad essere invasa dall’immondizia. I mancati ritiri stanno mettendo in ginocchio la città, la gente è costretta a mettere a terra i rifiuti giornalieri che produce, anche i più ligi e sensibili alla separazione non sa più dove smaltire l’immondizia, le aree destinate al deposito dei rifiuti sembrano essere ormai tutte piene ed i secchioni sono stracolmi e irraggiungibili.

     

Come la “voce di uno che grida nel deserto“, il Vice Presidente del Consiglio Capitolino Francesco Figliomeni (Fd’I) in un suo comunicato scrive:

Rifiuti: Figliomeni (Fd’I), preoccupati per ennesima crisi a Roma

” Le misure raffazzonate del Campidoglio a guida cinque stelle e della Regione Lazio a guida Pd stanno già dando, purtroppo, i loro effetti con la nuova crisi dei rifiuti a Roma. Il solito scarica-barile aveva previsto, invece dell’assunzione delle relative responsabilità, la distribuzione dei rifiuti della città in 5-6 impianti ma, è notizia di oggi, che in quello di Viterbo non è funzionante uno dei trituratori e quello della Toscana è già saturo. Ecco l’efficacia delle scelte poste in essere dalle due sinistre dei 5 stelle e del Pd, basta un piccolo imprevisto per far si che la città torni al punto di partenza ossia allo spettro della crisi dei rifiuti con le tonnellate di immondizia che continuano a rimanere per strada dando l’ennesima immagine negativa della Città Eterna.”

E conclude:

“Con l’azione del candidato sindaco Michetti, sostenuto da Fratelli d’Italia e dalle altre forze del centrodestra, una volta svolte le elezioni, cercheremo di porre fine all’indecenza delle montagne di rifiuti ai lati delle strade.”