Cultura: si allarga la rete delle dimore e dei giardini storici del Lazio

Come riportato sul sito della Regione Lazio: “Si allarga il numero di dimore e giardini storici inseriti nella Rete della Regione Lazio. Con il nuovo accreditamento, si aggiungono infatti altri 12 siti tra palazzi, ville, complessi architettonici e paesaggistici e parchi di enorme valore storico e artistico, portando a 171 il numero degli accreditati totali nella Rete regionale. Luoghi di grande fascino che in questi anni stiamo contribuendo a valorizzare e promuovere per dare nuovo lustro a un patrimonio unico che interessa tutte le province del Lazio”, così ha annunciato il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Leggi anche -> Regione Lazio: “Più notti, più sogni”, notti gratuite in albergo per chi sceglie il Lazio

Le nuove dimore accreditate sono: in provincia di Latina, l’ex Monastero delle Clarisse di Sezze. In provincia di Viterbo, Palazzo Farnese, la cosiddetta Rocca, del comune di Valentano. A Roma, la Casa di Riposo Santa Francesca Romana. A Trastevere, un vasto complesso con giardino e importanti strutture medievali di proprietà degli eredi della famiglia Doria Pamphilj. il Palazzo Gambirasi. In provincia di Roma, il Palazzo Baronale Orsini di Anguillara Sabazia; Villa Morani ad Arsoli; il Castello Odescalchi di Bracciano; Villa Sforza Cesarini a Lanuvio; il Castello di Lunghezza. Di origine medievale, l’imponente aspetto attuale è dovuto a una ristrutturazione del primo Rinascimento; Villa Barattolo a Rocca di Papa: villino del primo Novecento con terrazze e pavimenti in ceramica, situato all’interno del Parco dei Castelli Romani. In provincia di Frosinone,  il Palazzo della Ragione, conosciuto come Palazzo d’Iseo, di Anagn e il Castello Teofilatto di Torre Cajetani.

Leggi anche -> Torna Lazio in Tour, l’interrail gratuito della Regione Lazio

“Con l’accreditamento alla Rete delle Dimore e dei Giardini storici del Lazio”, ha proseguito il Presidente “questi luoghi straordinari potranno prendere parte alle tante azioni, attività e iniziative - dai bandi per la concessione di contributi volti alla ristrutturazione e riqualificazione dei siti, come quello in uscita la prossima settimana, fino alle giornate di apertura straordinaria - promosse dalla Regione per valorizzare e dare maggiore visibilità a dei luoghi di rara bellezza ma spesso poco conosciuti o fuori dai circuiti turistici tradizionali. ha concluso Zingaretti. Come annunciato, è in uscita la prossima settimana il nuovo Avviso pubblico per la valorizzazione delle dimore e dei giardini storici del Lazio con il quale verranno finanziati interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, opere di restauro e risanamento conservativo, interventi per il miglioramento dell’accessibilità e fruibilità dei siti ma anche di sistemazione del verde e del paesaggio.