Lunedì 13 settembre hanno riaperto le scuole dell’infanzia capitoline

Come riportato sul sito di Roma Capitale: lunedì 13 settembre hanno riaperto le scuole dell’infanzia capitoline, come da calendario scolastico regionale. Sono 29mila i bambini da 3 a 6 anni iscritti, nelle oltre 320 strutture gestite da Roma Capitale. Anche per l’anno educativo 2021-2022 permane la necessità di continuare a osservare le misure di prevenzione ormai consolidate Queste misure sono la stabilità dei gruppi, l’organizzazione dell’entrata e uscita in modalità scaglionata, l’utilizzo di dispositivi di sicurezza per il personale. E ancora, l’igienizzazione costante degli ambienti e dei giocattoli utilizzati, l’impossibilità di portare giochi da casa. Come lo scorso anno, nelle scuole dell’infanzia di Roma Capitale continuerà ad essere rilevata la temperatura a ogni singola persona in entrata nelle strutture. Quindi bambini, personale, genitori, fornitori.

Leggi anche -> Da oggi 1 settembre riaprono i nidi di Roma Capitale

Anche quest’anno i genitori sono chiamati a firmare a inizio anno il ‘patto di corresponsabilità’. Giornalmente firmeranno la dichiarazione di sussistenza delle condizioni per accedere al servizio. Tutto ciò garantirà sia la salute del piccolo che la non interazione con persone positive al Covid-19. La verifica del Green Pass sarà svolta secondo le normative vigenti. Al fine di supportare i Municipi nell’organizzazione dei controlli, l’Amministrazione Capitolina ha messo a disposizione già dalla scorsa settimana uno smartphone con relativa sim per ogni singolo nido e ogni singola scuola dell’infanzia capitolina.

Leggi anche -> Scuola, da domani riaprono nidi e scuole dell’infanzia capitoline

Ogni scuola dell’infanzia attuerà il proprio progetto di accoglienza su decisione dei Municipi sia per i bambini già iscritti, che come di consueto saranno i primi a rientrare, che per i nuovi iscritti. Al via da lunedì 13 settembre anche il servizio di trasporto scolastico per i bambini delle scuole dell’infanzia, delle primarie e secondarie di primo grado, anche statali, e per gli alunni con disabilità delle secondarie di secondo grado. Il servizio di ristorazione con la consumazione del pasto nelle strutture è garantito sin dal primo giorno, secondo l’organizzazione di ciascun istituto.