Roma, De Vito (FI): “Sindaca Raggi, periferie dimenticate, anche dalla sua amministrazione”

De Vito (FI) “Si faccia luce”

È con una nota pervenuta in redazione che Marcello De Vito, Capogruppo di Forza Italia in Campidoglio che commenta l’incidente di Via Atteone a Torre Angela.

Esprimo grande preoccupazione per l’esplosione avvenuta questa mattina in un appartamento di via Atone, a Torre Angela, probabilmente causata da una fuga di gas. Tre le persone rimaste ferite, per le quali ci auguriamo una rapida guarigione. Grazie alle Forze dell’ordine e ai soccorritori, intervenuti immediatamente e già al lavoro per la messa in sicurezza della palazzina e per la bonifica della zona in questione. Confidiamo nel fatto che quanto prima si faccia luce sulle cause che hanno determinato questo gravissimo incidente

Leggi anche -> Esplosione e crollo parziale di una palazzina a Torre Angela, Roma

Parole di forte critica nei riguardi della Sindaca le riserva invece per un suo post in cui commenta i fatti accaduti nella Ex-Penicillina. Il post inizia così:

” Sindaca Raggi, non era lei che parlava di riqualificazione delle periferie? “

” In relazione all’incendio dell’immobile di via Tiburtina 1040, Ex-Penicillina, all’interno del quale ieri un giovane nigeriano è rimasto ustionato, ho presentato un’interrogazione urgente con la quale chiedo alla sindaca e agli assessori competenti di dare alla città risposte immediate circa le azioni che si intendano adottare in merito all’immobile in questione, da troppo tempo simbolo di abbandono e di degrado.

Sindaca Raggi, proprio durante il tour delle periferie romane che ha organizzato in vista delle prossime elezioni, la città assiste a due incendi gravissimi a Torre Angela e all’ex-Penicillina.
Sono fatti tristi, oltre che gravi, e dimostrano l’incapacità della sua giunta nell’attuare quella riqualificazione metropolitana di cui lei parla da tempo. La realtà è ben diversa da quanto vuole far credere ai cittadini e i fatti lo dimostrano: purtroppo, le periferie sono state completamente dimenticate anche dalla sua amministrazione. “