Joe Formaggio: io sto col tabaccaio di Frosinone, ha ucciso per difendersi

Esprime solidarietà al tabaccaio di Frosinone che ha sparato per difendersi. Questo è quanto afferma Joe Formaggio, soprannominato il sindaco sceriffo di Albettone (Vicenza), ora consigliere della regione Veneto.

Il consigliere prende le parti di Sandro Fiorelli, accusato di omicidio per aver sparato ed ucciso uno dei quattro rapinatori penetrati nella sua proprietà.
Formaggio aveva attivato la campagna “io sto con Stacchio“, il benzinaio coinvolto nella rapina ad una gioielleria a Ponte di Nanto (Vicenza). Adesso ha annunciato che contatterà i deputati di Fratelli d’Italia del Lazio per dare supporto alla famiglia di Fiorelli.

Le sue idee gli sono costate

Era il 2018 e Formaggio finì nei guai per comportamento discriminatorio e incitamento all’odio razziale. Ai microfoni di una radio affermò che ad Albettone non volevano extracomunitari e che se fossero venuti, avrebbero rischiato la pelle, perché loro erano tutti razzisti. Sostenne anche che le persone di colore hanno un quoziente di intelligenza molto più basso. Per queste frasi razziste i giudici condannarono Formaggio al pagamento delle spese processuali e al risarcimento di 12 mila euro alle associazioni milanesi “Avvocati per niente” e “Associazione studi giuridici sull’immigrazione“.

Oggi, spiega il consigliere, farebbe la stessa cosa che ha fatto il tabaccaio di Frosinone. Se si trovasse nella sua condizione sparerebbe perché deve proteggere la sua famiglia. Poi dice: “siamo in Italia, e il processo va fatto“, aggiungendo che quella è stata legittima difesa.
Racconta di aver fatto visita in carcere a Walter Onichini, il macellaio che sparò e ferì un ladro sorpreso in casa sua nel padovano, e per questo venne condannato in Cassazione a 4 anni e 11 mesi. Formaggio precisa che per Onichini “hanno intenzione di chiedere la grazia“.

Conclude dicendo che sente il dovere di occuparsi del caso di Sandro Fiorelli e della sua famiglia, e che, non merita alcun interesse un ladro che si introduce in casa altrui.

Reazioni

Con le sue dichiarazioni, Formaggio ha suscitato reazioni diverse tra coloro che sostengono il diritto di difendersi e quelli invece che avversano qualsiasi forma di giustizia fai da te, specie quando questa è attuata con l’uso delle armi.
Alcuni esponenti delle Forze dell’ordine hanno sintetizzato: “Comunque la si pensi è sempre sconsigliabile e pericoloso il ricorso alla forma autonoma di difesa, se esiste la possibilità di chiedere l’intervento di polizia o carabinieri, nel migliore dei casi si finisce sotto processo“.

Fonti: ilgiornale.it  adnkronos.it  it.notizie.yahoo.com
Foto: Facebook