Tidei (Iv) “La violenza sulle donne si combatte anche con l’indipendenza economica”

In questa giornata di riflessione è proposte sulla difesa del mondo femminile, mi preme sottolineare prima di tutto come sia necessario sostenere con forza le misure che sta mettendo in campo il Governo grazie al ‘Piano strategico nazionale sulla violenza maschile contro le donne 2021-2023’ con le misure, prime fra tutte, quali il reddito di libertà ed il microcredito di libertà.

Leggi anche -> Femminicidio: nel Lazio “Dati che fanno rabbrividire”

La Regione Lazio ha quasi raddoppiato lo stanziamento economico rispetto allo scorso anno o raddoppiato i questi anni le strutture sul territorio: oggi sono 28 i centri antiviolenza esistenti e altri quelli di prossima apertura; mentre, per quanto riguarda le case rifugio, sono 8 quelle funzionanti e 2 quelle in via di apertura.

C’è inoltre un aspetto che mi sta maggiormente a cuore: l’indipendenza economica delle donne resta un fattore fondamentale di affrancamento dal contesto violento.

Leggi anche -> Femminicidio: “ Gli orchi del XXI secolo “

La povertà, la dipendenza economica e l’impossibilità di esigere diritti inclusa la garanzia del diritto di cittadinanza, sovraespongono le donne.

Le donne che hanno reddito e lavoro sono donne più forti e libere.

Questa è l’epoca in cui, e lo dico da donna, possiamo fare di più: oltre le reti di protezione possiamo e dobbiamo offrire nuove opportunità di scelta per una reale indipendenza economica. Possiamo promuovere politiche attive e di incentivo, formazione, supporto alle donne che vogliono aprire un’azienda, diventare imprenditrici, mettere al servizio della comunità la determinazione e l’innovazione che le donne hanno saputo rendere visibili.

Leggi anche -> Femminicidio, “ sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale”

Sono misure concrete che possono aiutare a sconfiggere un fenomeno odioso di questo tempo.

Possiamo farlo? Dobbiamo.

Così in una nota la presidente della Commissione Attività produttive e Sviluppo economico della Regione Lazio Marietta Tidei.